Blackcircuit

Foto di Elisabetta GoggiMICHELANGELO PENSO – “Blackcircuit” e “16 carnets + Structural variation 1/2/3”, due installazioni negli spazi del palazzo Balbi Senarega 
ROLLI DAYS 2012

I Palazzi dei Rolli sono un patrimonio storico della città di Genova e rassegne come Rolli Days sono pensate per far conoscere al pubblico questi palazzi della vecchia nobiltà genovese e soprattutto per mostrarli come luoghi vivi, in dialogo col presente. L’arte contemporanea entra così in relazione con quella del passato e irrompendo nell’architettura storica diviene in grado di mutarla e riportarla a nuova vita.
In collaborazione con il Centro di studi sulle arti, l’architettura e la letteratura del Manierismo e del Barocco dell’Università di Genova, l’Archivio di arte contemporanea presenta perciò negli ambienti di Palazzo Balbi Senarega un’installazione dell’artista veneto Michelangelo Penso e alcuni bozzetti. Le opere di Penso mettono in stretta relazione arte e scienza: le forme fluide disegnate dall’ingegneria genetica assumono identità di sculture plastiche che si confrontano con lo spazio e si tramutano loro stesse in architetture dell’evoluzione tecnologica e bio-medica contemporanea. I limiti tra passato e presente, scienza e arte risultano così abbattuti e superflui.Blackcircuit, atrio di palazzo Balbi Senarega (sede della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Genova), Via Balbi 4.

16 carnets + Structural variation 1/2/3, bozzetti e taccuini, Biblioteca del DIRAAS sezione Arte, Palazzo Balbi Senarega.